oltre i 1800 metri di quota, dove il vento e il gelo non permettono più la sopravvivenza dei faggi, hanno inizio le boscaglie di arbusti, l'ultima frontiera della vegetazione che sale fino ai 2200 metri circa. Qui dove non c’è più’ posto per gli alberi si incontra il pino mugo. Resistentissimo al freddo, si accontenta di poca acqua e di poca terra ed è capace di mettere radici persino sulle pietraie che rimangono coperte di neve per molti mesi all'anno. Dal suo legno, che per la sua elasticità veniva un tempo impiegato per cerchiare le botti, ma soprattutto dalle sue foglie aghiformi si ricava l’olio essenziale, il mugolio, una sostanza balsamica impiegata nelle infiammazioni delle vie respiratorie. Ma è da un’antica ricetta trentina che ricorre l’usanza di combinare le qualità di questa pianta così particolare con le proprietà del miele di acacia, per far nascere un sciroppo ideale per i freddi inverni e non solo..
Il miele di acacia e pino mugo infatti contiene praticamente tutti gli oli essenziali dei vari tipi di pino (marittimo, cembro, sylvestris) ed ha notevoli effetti benefici, in particolare il suo potente effetto antibatterico lo rende indicato nella prevenzione e nella cura dei disturbi respiratori. La sua azione balsamica è utile per migliorare la respirazione e disinfettare le vie respiratorie con un’azione delicata e naturale. Può essere utilizzato anche nelle maschere di bellezza, donando elasticità e tonicità alla pelle stanca, grazie alla sua azione balsamica. Per favorire l’elasticità della pelle di tutto il corpo viene usato anche diluito nel bagno schiuma per rilassanti e profumati caldi bagni invernali
250g 5 euro - 500g 9 euro

Miele e Pino Mugo - 500gr

€9.00Prezzo